-+  Associazione
-+  Documenti
-+  Eventi
-+  Community
-+  Blog
-+  Link

Febbraio 2014

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28  

Cerca






 


« Luglio 2010 | Home | Settembre 2010 »

Let's do the YAPC again!

And now for something completely different...

È tradizione, per YAPC, che ogni anno vengano battute all'asta le modalità del cosiddetto forfeit, ovvero in quale maniera gli organizzatori dell'anno successivo si copriranno di vergogna. Nel 2009, a Lisbona, visto che siamo scaltri e volevamo evitare di doverci tagliare o colorare i capelli (è successo, è successo...) abbiamo pensato di far scegliere ai partecipanti di quale film avremmo dovuto mettere in scena una riduzione. È saltato fuori il Rocky Horror Picture Show. Ecco il risultato:

Inviato da larsen alle 00:48 | Commenti (1)

Rakudo Perl 6 release #32 "Pisa"

Ieri è stata annunciata la nuova release di Rakudo. Non siamo soliti segnalare i rilasci mensili di Rakudo, ma questa volte ci fa particolarmente piacere, visto che

The August 2010 release is code named "Pisa" in recognition of its excellent work in organizing YAPC::EU 2010, "The Renaissance of Perl"

Che dire... grazie! E grazie un'altra volta per il lavoro che sta facendo il Rakudo Dev Team!

Inviato da larsen alle 18:50 | Commenti (0)

YAPC::Europe 2010, "Perl is my community!"

IMG_2931 Al liceo (incredibile, si parla di vent'anni fa) i professori ci dissero in più di una occasione che era perfettamente inutile scervellarsi ogni anno per cercare una meta innovativa per la gita scolastica: per la nostra soddisfazione era del tutto equivalente caricarci tutti su un pullman e depositarci al punto di partenza dopo un po' di giri della tangenziale; anzi, meglio prendere l'autostrada per poter fare una sosta all'autogrill. Tanto a noi bastava fare un po' di baccano insieme, per un giorno liberi da versioni, libri, interrogazioni e così via.
Anche il rapporto con i professori cambiava temporaneamente, e si potevano osare sberleffi più arditi.

YAPC::Europe secondo me ha molto in comune con questo spirito da gita scolastica, e ne trovo dimostrazione nel fatto che la cosidetta hallway-track (ovvero il tempo della conferenza che taluni passano nei corridoi, fuori dalle aule dove si svolgono gli interventi) sia uno dei momenti cui i partecipanti danno il maggior valore. Allo stesso modo, una delle cose che mi colpisce maggiormente quando partecipo a conferenze come YAPC (ho in mente anche l'Italian Perl Workshop e il London Perl Workshop, per esempio), è l'affiatamento e - per dirla con parole che, lo assicuro, cerco di non usare mai incautamente - la qualità umana di chi vi ci si trova.
Quest'anno, dopo le prove degli anni passati con l'Italian Perl Workshop, YEF ha affidato l'organizzazione della conferenza alla comunità Perl italiana. Uno sforzo notevole, per il quale menziono e ringrazio subito le due persone senza le quali YAPC::Europe 2010 non sarebbe stato possibile: Michele "arthas" Beltrame e Giuseppe "peppe" D'Angelo. E poi voglio citare Gianni "dakkar" Ceccarelli, per la stesura del programma e il fondamentale coordinamento durante la conferenza stessa.

Tre giorni di conferenza, quattro tracce simultanee (era un problema scegliere che cosa seguire), coffee break ormai divenuti leggendari, ampio spazio per l'hacking fuori dalle aule. E poi l'autorevolezza degli ospiti internazionali: da Larry Wall a Allison Randal, da Dave Rolsky a Patrick Michaud, questi ultimi rispettivamente maintainer di Moose e responsabile dello sviluppo di Rakudo. Se volete avere un'idea di tutto quello che è stato YAPC::Europe 2010, consiglio di seguire le puntate di RadioYAPC che osfameron++ sta tuttora sfornando, con il materiale registrato durante la settimana.

Rientro sempre rinfrescato ed energico da queste conferenze, e penso che non capiti soltanto a me. L'entusiasmo palpabile della conferenza è qualcosa che ci si porta a casa, e che ora devo solo pensare a non buttar via, a sfruttare per contribuire un poco ai progetti che ho (ri)scoperto a YAPC. E se sembra un discorso di poca sostanza, allora ricordo quel che c'era scritto sulla maglietta di Nicholas Clark: "my open source software runs your company".

Ho provato a fare questo discorso a un po' di persone in questi giorni, incartandomi immancabilmente e, temo, senza essermi spiegato bene. Lo dico ora per iscritto, e in breve: è stato un grande piacere vedervi, ed è un delitto non incontrarsi più spesso.

Inviato da larsen alle 22:35 | Commenti (2)

D:
Progetti e documenti in rilievo
Corso di Perl Progetto pod2it
D:
La ML di Perl.it
mongers@perl.it è la lista ufficiale di Perl Mongers Italia per porre quesiti di tipo tecnico, per rimanere aggiornato su meeting, incontri, manifestazioni e novità su Perl.it.
Iscriviti!
D:
Annunci Google