-+  Associazione
-+  Documenti
-+  Eventi
-+  Community
-+  Blog
-+  Link

Febbraio 2014

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28  

Cerca






 

« Estrarre testo da un PDF | Home | Gruppo Perl.it su LinkedIn »

Perl su Free Software Magazine
16.11.07

Marco Marongiu (il perlista e perlmonger già noto su questo sito) ci segnala il suo articolo su Perl 6, pubblicato sul Free Software Magazine : Today's Perl problem is popularity, not power

Inviato da larsen il 16.11.07 10:30
Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti al feed!

Inviato da larsen il 16.11.07 10:39

Ora finisco di leggere il pezzo, ma ho l'impressione, vedendo i primi paragrafi, che tu abbia colto un punto di vista abbastanza condiviso. Mi riferisco ad esempio a: The best thing for a programming language is to be powerful and popular at the same time. Perl was like that some time ago, but over the years it has slowly lost its appeal, even while retaining and increasing its power. And Perl 6 has just come too late to save the day.

Inviato da bronto il 16.11.07 23:58

chromatic su use.perl.org non è molto d'accordo, né con te né con me, che il punto sia abbastanza condiviso... mah. Siamo noi due i pessimisti?

Ciao
--bronto

Inviato da Giacomo il 10.12.07 18:43

Personalmente condivido pienamente quanto espresso nell'articolo e confesso anche che sono sempre stato un po' deluso dal fatto che Perl6 non mi sembrava pensato per riavvicinare quegli sviluppatori, la gran maggioranza, che non vede in Perl5 una tecnologia interessante.
Forse e' il prezzo da pagare perche' Perl resti Perl, e perche' il linguaggio non si trasformi in qualcosa di piatto e inespressivo come molta della concorrenza.

Credo che l'opinione sulla popolarita' dipenda da dove si vive/lavora. Mi spiego, nei paesi anglosassoni Perl gode ancora di una discreta stima, in Italia direi tutt'altro.
Ho fatto una ricerca veloce delle offerte di lavoro, in Italia, su un aggregatore. Ed ho ottenuto questi risultati che parlano da soli:
java: 1803
php: 604
perl: 84
python: 24
ruby: 12
E' interessante notare come il rapporto Perl/Python/Ruby sia consistente con i risultati mostrati da Bronto, mentre il rapporto Java/Php/Perl sia totalmente diverso.
Questi risultati confermano la mia esperienza personale. Troppo spesso Perl viene visto come un linguaggio di serie B e provare a proporlo per nuovi progetti o anche solo parti di progetti risulta in un rifiuto certo, accompagnato di solito da commenti sarcastici o da sguardi basiti che chiedono come si possa anche solo pensare di rimpiazzare Java con Perl.
Credo anche che il problema di reperire sviluppatori preparati sia reale, proprio perche' la 'nuova' generazione, quelli entrati nell'IT quando ormai Java gia' dominava, non ne vuole proprio sapere di 'perdere tempo' imparando un linguaggio sul quale ha forti pregiudizi.










Devo ricordare i dati personali?






D:
Sull'autore...
D:
La ML di Perl.it
Iscriviti! mongers@lists.perl.it è la lista ufficiale di Perl Mongers Italia per porre quesiti di tipo tecnico, per rimanere aggiornato su meeting, incontri, manifestazioni e novità su Perl.it.
D:
Annunci Google