-+  Associazione
-+  Documenti
-+  Eventi
-+  Community
-+  Blog
-+  Link

Ottobre 2013

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Cerca






 

« Cercasi programmatori Perl | Home | Un orologio atomico in Perl »

TuxJournal, primo numero. Con Perl!
11.04.05

Dal mio LUG mi è arrivata la comunicazione della recente uscita del TuxJournal, webzine indipendente dedicata a Linux.

Nel suo primo numero viene pubblicato anche un articolo di Introduzione a Perl.

Personalmente, l'articolo non mi piace molto, e per giunta non viene neanche citato www.perl.it :-). Il lato positivo però è che ci sia la buona volontà di promuovere il linguaggio. Ed è una volontà che merita di essere incoraggiata, magari con qualche contributo estratto proprio da questo sito.

Ciao!
--bronto

Inviato da bronto il 11.04.05 11:57
Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti al feed!

Inviato da verbat il 11.04.05 12:36

se solo non fosse un "prodotto" della mente di colui che ci ha regalato "big liberty of configuration" (tratto da http://www.netwosix.org)

Inviato da larsen il 12.04.05 01:33

Apprezzo l'interesse per il Perl, ma l'articolo contiene delle affermazioni nella migliore delle ipotesi "azzardate". Per dire:

"E' essenzialmente un linguaggio di scripting visto che non è molto adatto alla programmazione di applicazioni complesse ma semplifica non poco la vita ai programmatori nella creazione di soluzioni immediate per la propria infrastruttura."

Potrebbe essere vero se stessimo parlando di Perl 4, ma usare Perl 5 per applicazioni complesse è una scelta del tutto sensata, come tra l'altro attestano numerosi prodotti di successo e diffusi (Bricolage, per dirne uno soltanto). Il bello del Perl è che è adatto anche a far semplicemente da collante.

Proseguo, ma siamo al medesimo livello:
"Il perl è veloce. Questo è dovuto al fatto che nessuno che svilupperà in Perl non lo userà effettivamente per usi reali."

Non ho letto attentamente il resto dell'articolo, però mi piace la scelta di parlare subito di CPAN, di segnalare risorse come Perlmonks, e di parlare della community, secondo me uno dei punti di forza di Perl.

Rimane però un'impressione negativa dell'articolo: inaccurato e sostenitore di luoghi comuni.

Inviato da bronto il 12.04.05 11:21

Ehi! Ehi! Ehi! Piano! Che l'articolo non mi piaceva l'avevo detto prima io :-)

Inviato da [LucaS] il 16.04.05 12:54

Nonostante concordo col fatto che l'articolo è brutto, devo riconoscere che l'autore di questo sito si sta dando veramente da fare e per questo va elogiato.

Vi vorrei far notare che l'articolo ad un certo punto recita: "Il Perl non ha quasi nessuna limitazione.... tanto da poter creare sia programmi per un uso banale ed immediato sia programmi di notevole importanza e complessità." come vedete quindi l'autore, in verità un po' confuso, ha anche smentito alcuni "luoghi comuni".

Ora quel che vorrei dire è che tali articoli o informazioni presenti nella rete, non vanno assolutamente ignorati. Lasciano vedere e confermano come aimè chi non è dentro il mondo del Perl, vede il Perl. Ignorare o sminuire l'importanza di tali informazioni, fa in modo che là fuori il mondo continua a vedere il Perl attraverso i luoghi comuni!

Invierò un e-mail all'autore invitandolo a rivedere l'articolo.










Devo ricordare i dati personali?






D:
Sull'autore...
D:
La ML di Perl.it
Iscriviti! mongers@lists.perl.it è la lista ufficiale di Perl Mongers Italia per porre quesiti di tipo tecnico, per rimanere aggiornato su meeting, incontri, manifestazioni e novità su Perl.it.
D:
Annunci Google